Questo sito utilizza cookies a fini statistici e per migliorare l'esperienza utente.

Chiudi
Cartizze Dry Eng
Cartizze Dry Eng
Crede Brut Eng
Crede Brut Eng
Relio Eng
Relio Eng
Jeio Brut Eng
Jeio Brut Eng
Extra Dry Eng
Extra Dry Eng

Premi

Bisol e Jeio premiati dalle migliori guide del mondo

20/12/18

Bisol e Jeio si confermano nuovamente punto di riferimento e ambasciatori nel mondo del Prosecco Superiore con un’ampia gamma di premi e riconoscimenti ricevuti dai più importanti esperti e guide del settore. 

Bisol Cartizze Dry 2017, Valdobbiadene Superiore di Cartizze D.O.C.G.:

  • 92 punti attribuiti dal critico James Suckling. Il noto giornalista statunitense premia l’etichetta Bisol con queste note di degustazione: vino molto cremoso con meravigliosi profumi, gusto di pera e di mela verde. Di medio corpo, deliziose note fruttate.
  • Cinque Sfere nella Guida Sparkle 2019. Massimo riconoscimento attribuito dalla Guida dedicata ai migliori spumanti d’Italia per un vino dal tratto elegante, che al naso si esprime con bella fusione, di originale carattere balsamico. In bocca è piacevole, dinamico e continuo. Servitelo con un crudo di spigola, extravergine, succo d’arancia e foglie di menta.

Bisol Crede Brut 2017, Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.: 

  • 91 punti attribuiti da Decanter, la prestigiosa rivista inglese, che con queste parole commenta l’ottimo punteggio assegnato: la mineralità, l’aroma di scorza di agrume e la salinità donano molta finezza. Spuma persistente e intrigante nota amara nel finale.
  • 5 stelle agli Harpers Wine Star Awards 2019. Con il massimo punteggio si distingue il Bisol Crede alla competizione britannica: molto piacevole all’olfatto con leggere note di miele, fiori bianchi, acacia. Risulta più ricco al palato con aroma di mela cotta. Buona persistenza e pulizia in bocca. Buon equilibrio con un finale vivace. Stile elegante con un po’ di complessità. Colore limone tenue e spuma evanescente. Texture interessante.
  • 91 punti assegnati dal critico James Suckling, che descrive come un vino dallo stile delicato con note di mela verde e buccia di pera, di medio corpo e finale fresco. Piacevole lieve tocco amaro sul finale.

Bisol Relio Rive di Guia Brut 2017, Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.:

  • 90 punti attribuiti dal critico James Suckling che premia l’etichetta Bisol e definisce come un vino con aromi di mela e limone con richiami di pera. Corposo, bollicine eleganti e finale intenso.

Jeio Brut, Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.:

  • 91 punti assegnati dal giornalista James Suckling. Così il commento del critico americano accompagna l’ottimo punteggio conferito all’etichetta Jeio: asciutto e secco con un elegante aroma di pera e mela ed appena un accenno di biscotto. Di medio corpo, fresco e pulito al palato.
  • 90 punti assegnati da Decanter, la prestigiosa rivista inglese, che commenta così il punteggio attribuito: note di paglia, fiori secchi ed erbe aromatiche. Spuma gentile una nota delicata e fresca di pompelmo.

Jeio Extra Dry, Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.:

  • 90 punti attribuiti dal critico James Suckling per un vino che il giornalista descrive come un Prosecco corposo, fruttato con ricche note di pera, limone e mela. Leggermente dolce sul finale. Bell’equilibrio.

 

Bisol e Jeio si confermano nuovamente punto di riferimento e ambasciatori nel mondo del Prosecco Superiore con un’ampia gamma di premi e riconoscimenti ricevuti dai più importanti esperti e guide del settore. 

Bisol Cartizze Dry 2017, Valdobbiadene Superiore di Cartizze D.O.C.G.:

  • 92 punti attribuiti dal critico James Suckling. Il noto giornalista statunitense premia l’etichetta Bisol con queste note di degustazione: vino molto cremoso con meravigliosi profumi, gusto di pera e di mela verde. Di medio corpo, deliziose note fruttate.
  • Cinque Sfere nella Guida Sparkle 2019. Massimo riconoscimento attribuito dalla Guida dedicata ai migliori spumanti d’Italia per un vino dal tratto elegante, che al naso si esprime con bella fusione, di originale carattere balsamico. In bocca è piacevole, dinamico e continuo. Servitelo con un crudo di spigola, extravergine, succo d’arancia e foglie di menta.

Bisol Crede Brut 2017, Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.: 

  • 91 punti attribuiti da Decanter, la prestigiosa rivista inglese, che con queste parole commenta l’ottimo punteggio assegnato: la mineralità, l’aroma di scorza di agrume e la salinità donano molta finezza. Spuma persistente e intrigante nota amara nel finale.
  • 5 stelle agli Harpers Wine Star Awards 2019. Con il massimo punteggio si distingue il Bisol Crede alla competizione britannica: molto piacevole all’olfatto con leggere note di miele, fiori bianchi, acacia. Risulta più ricco al palato con aroma di mela cotta. Buona persistenza e pulizia in bocca. Buon equilibrio con un finale vivace. Stile elegante con un po’ di complessità. Colore limone tenue e spuma evanescente. Texture interessante.
  • 91 punti assegnati dal critico James Suckling, che descrive come un vino dallo stile delicato con note di mela verde e buccia di pera, di medio corpo e finale fresco. Piacevole lieve tocco amaro sul finale.

Bisol Relio Rive di Guia Brut 2017, Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.:

  • 90 punti attribuiti dal critico James Suckling che premia l’etichetta Bisol e definisce come un vino con aromi di mela e limone con richiami di pera. Corposo, bollicine eleganti e finale intenso.

Jeio Brut, Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.:

  • 91 punti assegnati dal giornalista James Suckling. Così il commento del critico americano accompagna l’ottimo punteggio conferito all’etichetta Jeio: asciutto e secco con un elegante aroma di pera e mela ed appena un accenno di biscotto. Di medio corpo, fresco e pulito al palato.
  • 90 punti assegnati da Decanter, la prestigiosa rivista inglese, che commenta così il punteggio attribuito: note di paglia, fiori secchi ed erbe aromatiche. Spuma gentile una nota delicata e fresca di pompelmo.

Jeio Extra Dry, Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.:

  • 90 punti attribuiti dal critico James Suckling per un vino che il giornalista descrive come un Prosecco corposo, fruttato con ricche note di pera, limone e mela. Leggermente dolce sul finale. Bell’equilibrio.

 

In questo articolo