Questo sito utilizza cookies a fini statistici e per migliorare l'esperienza utente.

Chiudi
Trophy winner, 94 scores
Trophy winner, 94 scores

Premi

È il Cartizze Dry DOCG Bisol il “re” del Prosecco per il Magazine Falstaff

03 Luglio, 2018

Falstaff, il magazine tedesco dedicato al mondo del vino, distribuito con successo anche in Austria e in Svizzera, ha pubblicato la sua classifica sul Prosecco, incoronando  “re” assoluto il Cartizze Bisol con ben 94 punti, seguito a stretto giro dal Private Cartizze con 93 punti , il Crede con 92, il Relio con 91 e lo Jejo Brut con 90.

Questo speciale “Falstaff Trophy-Tutto Prosecco”, uscito sul numero 4 del 2018, ha preso in rassegna le Cantine più importanti del territorio e ha evidenziato le varie tipologie e aree di Prosecco, dando particolare visibilità alla zona del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG e del Prosecco DOC. 

In entrambe le categorie, Bisol si è confermato primo della graduatoria, ribadendo in questo modo l'assoluta importanza del territorio dove le uve nascono e vengono coltivate.  

Ogni territorio corrisponde a un diverso terreno e quello del Cartizze è la massima espressione del Prosecco Superiore DOCG e Bisol su questa collina coltiva e lavora ancora rigorosamente a mano ben 107 ettari di terreno. Da qui nascono appunto il  Cartizze Valdobbiadene Superiore di Cartizze Dry DOCG e il Private Cartizze Valdobbiadene Superiore di Cartizze Dosaggio Zero DOCG Vendemmia 2014, premiati rispettivamente con 94 e 93 punti.

Falstaff descrive il Cartizze Bisol 2017 come il Prosecco perfetto: dal colore giallo brillante con riflessi argentati, al naso ricco bouquet fruttato e florale e in bocca una grande struttura e mineralità. Il Private Cartizze, invece, è per Falstaff  un Prosecco di assoluta eleganza e grande persistenza, dove la mineralità si unisce a sentori di pesca e crosta di pane.

Falstaff, il magazine tedesco dedicato al mondo del vino, distribuito con successo anche in Austria e in Svizzera, ha pubblicato la sua classifica sul Prosecco, incoronando  “re” assoluto il Cartizze Bisol con ben 94 punti, seguito a stretto giro dal Private Cartizze con 93 punti , il Crede con 92, il Relio con 91 e lo Jejo Brut con 90.

Questo speciale “Falstaff Trophy-Tutto Prosecco”, uscito sul numero 4 del 2018, ha preso in rassegna le Cantine più importanti del territorio e ha evidenziato le varie tipologie e aree di Prosecco, dando particolare visibilità alla zona del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG e del Prosecco DOC. 

In entrambe le categorie, Bisol si è confermato primo della graduatoria, ribadendo in questo modo l'assoluta importanza del territorio dove le uve nascono e vengono coltivate.  

Ogni territorio corrisponde a un diverso terreno e quello del Cartizze è la massima espressione del Prosecco Superiore DOCG e Bisol su questa collina coltiva e lavora ancora rigorosamente a mano ben 107 ettari di terreno. Da qui nascono appunto il  Cartizze Valdobbiadene Superiore di Cartizze Dry DOCG e il Private Cartizze Valdobbiadene Superiore di Cartizze Dosaggio Zero DOCG Vendemmia 2014, premiati rispettivamente con 94 e 93 punti.

Falstaff descrive il Cartizze Bisol 2017 come il Prosecco perfetto: dal colore giallo brillante con riflessi argentati, al naso ricco bouquet fruttato e florale e in bocca una grande struttura e mineralità. Il Private Cartizze, invece, è per Falstaff  un Prosecco di assoluta eleganza e grande persistenza, dove la mineralità si unisce a sentori di pesca e crosta di pane.